A Fermo seminario gratuito su libertà digitale a scuola

11 maggio 2015

Sabato 16 maggio alle ore 10 a Fermo, presso l’aula magna dell’IPSIA “O. Ricci”, si tiene un workshop gratuito rivolto a docenti e studenti sul tema “Libertà digitale: cominciamo dalla scuola”.

LUG-LibreItalia_Final_s

L’evento, è organizzato da LibreItalia, FermoLUG e l’Istituto Professionale Ricci di Fermo. LibreItalia è un’associazione di volontariato molto attiva su tutto il territorio nazionale nella promozione di LibreOffice come strumento libero di produttività individuale e aziendale.

Dopo la presentazione dell’iniziativa da parte di Marco Alici, vicepresidente FermoLUG e socio LibreItalia, Italo Vignoli, fondatore LibreOffice e presidente onorario di LibreItalia, spiegherà i concetti di software libero, formati aperti e licenze Creative Commons. Poi sarà la volta di Sonia Montegiove, presidente LibreItalia, con un intervento finalizzato a spiegare le motivazioni per cui preferire il software libero a scuola; a seguire Marco Giorgetti, fondatore Perugia GNULug e socio LibreItalia, con consigli su programmi open source da usare a scuola e non solo; Andrea Colangelo, Debian e Ubuntu Developer e membro di FermoLUG, con casi concreti di migrazioni a software libero nelle scuole. A chiudere la mattina Osvaldo Gervasi, della facoltà di Informatica dell’Università di Perugia e fondatore LibreItalia, sul rapporto tra open source e sicurezza.

Scopo della mattina è quello di formare e informare circa le opportunità legate all’uso del software libero a scuola, che porta i valori della conoscenza condivisa, della collaborazione, della condivisione. Oltre che, come detto da Renzo Davoli dell’Università di Bologna e riportato nella locandina dell’evento: “Occorre ripensare all’intero processo educativo: non possiamo permetterci di perdere la creatività delle giovani generazioni, è un tesoro troppo prezioso. In tutto questo il software libero c’entra“.

Share

LibreOffice, linux

27/03/2015 GNU/Linux Install Party

19 marzo 2015

InstallPartyFermoLUG e Pane&Caffè Luciani

organizzano

il 27 Marzo 2015 ore 20

presso Pane&Caffe’ Luciani (Fermo, Piazza Sagrini)


 

GNU/Linux

INSTALL PARTY

 


Vieni a cena con noi (10€)

Porta il tuo COMPUTER!*

Se vorrai, ti aiuteremo a installare
una distribuzione GNU/Linux

e a muovere i primi passi sul sistema
operativo libero più famoso al mondo

Per informazioni contattaci qui

*Si raccomanda di fare un backup dei dati!
Il FermoLUG non sarà responsabile
di eventuali perdite di dati conseguenti
all’installazione di GNU/Linux

Evento su Facebook >>


Share

fermolug, linux

Software libero a scuola con FermoLUG

6 marzo 2015

Nato oltre dieci anni fa, il FermoLUG (Fermo Linux Users Group, gruppo utenti Linux del fermano) si pone come obiettivo la diffusione del software libero anche attraverso l’organizzazione di manifestazioni a carattere divulgativo, come i Linux Day e gli Installation Party, che permettono sia di far conoscere la storia del Software Libero e i modelli culturali su cui si fonda, sia di mostrarlo concretamente all’opera e alla fine installarlo nei computer delle persone che lo volessero. Molte altre iniziative di questo tipo sono state organizzate nel corso di questo decennio (si pensi ad esempio al convegno “Prospettive Libere”, particolarmente rivolto alla Pubblica Amministrazione, o all’edizione 2013 della DUCC-IT, solo per citarne due), tutte (quasi) regolarmente documentate nel nostro sito web o nel nostro canale youtube [Continua su Libreitalia.it]

Share

fermolug, LibreOffice

25/10/2014 Linux Day a Fermo

2 ottobre 2014

fermolugIl FERMOLUG organizza a Fermo presso l’Istituto Professionale di Stato per l’industria e l’Artigianato “Ostilio Ricci” (IPSIA – Via Salvo D’Acquisto 71 – mappa: http://bit.ly/1txy8oq), dalle ore 16 del 25/10/2014, il

 

LINUX DAY 2014

 


Programma
16:00 – Saluto del Presidente del FermoLUG
Paolo Silenzi

16:10 – Perché passare a GNU/Linux?
Franco Mannocchi

16:40 – Come si installa Ubuntu GNU/Linux? Guida passo-passo
Paolo Silenzi

17:20 – Il tuo e-commerce con Odoo (OpenERP)
Alessandro Camilli

18:00 – $ sleep 10m :-)

18:10 – Linux Embedded
Gionata Massi, Daniele Liciotti

18:50 – La cattedra Open Source
Daniele Postacchini

 

Linux Day 2014

Share

fermolug, linux, linuxday , ,

Bufale e complotti in rete. Ne parliamo con Paolo Attivissimo.

5 maggio 2014

Paolo_Attivissimo_03_A4In principio erano leggende metropolitane, false notizie che acquisivano di credibilità passando di bocca in bocca: “mi ha detto mio cugino…” Poi è arrivata internet, che inevitabilmente rende tutto più veloce, dapprima con le email ed oggi con i social network.

Ma cos’è una bufala?

Il Devoto/Oli la definisce:  “Notizia giornalistica infondata, imbroglio”.

La rete, i mezzi di stampa e la tv sono a volte così bravi a confezionare una bufala  che spesso anche il lettore più attento la potrebbe prendere seriamente:

“La figlia di George Arlington sta morendo… salvatela con una email”;

“L’FBI sa che scambi musica illegale”;

“Attenzione… in internet c’è un virus che cancella i cellulari”;

“se metti «000» nella tua rubrica di indirizzi, ti difenderai dai virus..!”;

“non siamo mai stati sulla luna, ecco le prove…”;

A volte hanno risvolti simpatici:

“Franco De Nicola, noto miliardario, propone un matrimonio poligamo: recluta 39 donne (34 le ha già trovate, restano 5 posti liberi, affrettarsi prego)”.

Altre volte sono tristi oppure nascono vere e proprie truffe.

Oppure ottengono una credibilità che le fa addirittura arrivare agli onori delle cronache parlamentari e diventano oggetto di interrogazioni di deputati o consiglieri regionali (è successo nelle Marche, poco tempo fa). È il caso delle scie chimiche, forse la più nota delle bufale, secondo la quale gli aerei di linea verrebbero utilizzati per disperdere sostanze chimiche allo scopo di controllare il clima o le menti.

Il tema, sicuramente curioso ed interessante, sarà oggetto di un incontro dal titolo “L’ha detto Internet! Bufale e falsi miti ai tempi della rete”, organizzato dal FermoLUG, che avrà come ospite Paolo Attivissimo, noto giornalista, scrittore, blogger, consulente informatico, divulgatore scientifico e… cacciatore di bufale.

L’incontro è programmato per Sabato 10 Maggio a Fermo, Palazzo dei Priori ore 16:30.

Share

fermolug, meeting, news , , , , ,

Il supporto XP sta per terminare. Passa a Linux nelle scuole.

26 marzo 2014

Dopo l’8 aprile 2014, il supporto e gli aggiornamenti per Windows XP non saranno più disponibili. Cosa aspetti? Aggiorna il tuo PC al nuovo Windows oppure acquista un dispositivo con Windows 8.1!” Questa è la pubblicità della Microsoft

Vista la scadenza di xp, e non potendo/volendo passare a windows 8.1 abbiamo deciso di mettere una versione di Linux sui pc posti in ogni aula che danno accesso al registro elettronico, una applicazione scritta in php.

Parliamo di circa una sessantina di macchine, mediamente 8/9 anni, processore pentium 4 in grande maggioranza, fornite tutte di almeno 512 Kb di ram.

La domanda fondamentale: quale distribuzione mettere?

Per questa domanda avevo una serie di problemi:

  • Trovare una distribuzione  che permettesse l’installazione ed il mantenimento a colleghi con una scarsa conoscenza di un file system Linux , ma che potessero comunque fare da riferimento per i dubbi iniziali;
  • Trovare qualcosa che avesse un’interfaccia “semplice”, in modo che tutti i professori potessero accedere ad un browser di navigazione aggiornato ed a un programma efficace di videoscrittura come LibreOffice;
  • Trovare una distribuzione aggiornata, leggera, con una buona compatibilità con hardware vario e datato, che non mi impegnasse troppo con smanettamenti vari;

Quindi, ho escluso a priori tutte le distribuzioni con un server grafico pesante, e tutte le distribuzioni che necessitavano per vari motivi di troppi adattamenti hardware. (Lo so, è la parte più divertente, ma dovevo arrivare ad una soluzione efficace).

Da tener presente che in un primo momento ho “visto “ la grafica delle distribuzioni su un emulatore, poi le ho testate direttamente sui pc, con tempi piuttosto lunghi.

se fai perdere 10 chili a un elefante (ovvero installi LXDE su Ubuntu) sarà comunque sempre più pesante di una gazzella obesa (Arch Linux con Gnome o KDE), quindi chi vuole una distro leggera preferisce partire dalla gazzella piuttosto che dall’elefante.
utente dadexix86 su http://forum.ubuntu-it.org/

Vero :) Però alla fine mi sono deciso per Lubuntu

 

Perché:

Usa LXDE + OpenBox, ha una discreta interfaccia, hanno risolto parecchi bug che lo affliggeva, uscirà la versione 14.04 a breve, fa gli aggiornamenti in modo “semplice”, ha l’installazione semplice e veloce, è quella che mi ha dato meno problemi di compatibilità hardware sui 3/ 4 pc testati, con schede grafiche diverse, ha firefox e synaptic che mi risolve in automatico le dipendenze, e infine qualcuno Ubuntu l’ha già sentito nominare, e sembra una cosa stupida, ma rende più accettabile il passaggio.

Quella che segue non è una guida vera e propria, ma una serie di indicazioni che ritengo utili, trovate mentre cercavo le varie criticità e mi facevo un file di appunti.

PRIMA DI TUTTO

https://help.ubuntu.com/community/Lubuntu/Documentation/FAQ/Guides

http://forum.ubuntu-it.org/viewforum.php?f=95&sid=29802b587c581520dad043b6036d6b00

 

INSTALLAZIONE DI LUBUNTU

Per permettere la navigazione e l’aggiornamento io ho dovuto impostare un proxy;

Sia Firefox che Synaptic (Packed Manager di Lubuntu) ha la possibilità di impostare il proxy oppure:

http://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?t=517408

seguite le istruzioni e funzionerà tutto anche da terminale.

 

Per chi volesse poi utilizzare chromium

da terminale

chromium-browser –proxy-server=”indirizzoproxy:numeroporta

AGGIORNAMENTO REPOSITORY

abilitare i repository Partner di Canonical

elenco sorgenti

http://wiki.ubuntu-it.org/Repository/SourcesList
http://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?t=66731

sudo add-apt-repository ppa:libreoffice/ppa

o aggiungere questi due indirizzi in /etc/apt/sources.list

https://launchpad.net/~libreoffice/+archive/ppa
https://launchpad.net/~libreoffice/+archive/libreoffice-4-2
N.B.: Ho provato la lubuntu 13.10 saucy salamander e per questa distribuzione gli indirizzi per LibreOffice 4.2 sono

deb http://ppa.launchpad.net/libreoffice/libreoffice-4-2/ubuntu saucy main
deb-src http://ppa.launchpad.net/libreoffice/libreoffice-4-2/ubuntu saucy main
Raccomando LibreOffice 4.2 (o successive) per la velocità e pulizia del codice.

La prossima distribuzione di Lubuntu, la 14.04 dovrebbe avere nei repository ufficiali Libreoffice 4.2

Aggiornare l’indice dei pacchetti: l’indice dei pacchetti di APT è essenzialmente un database dei pacchetti disponibili dai repository definiti nel file /etc/apt/sources.list. Per aggiornare l’elenco locale dei pacchetti con i cambiamenti apportati di recente nei repository, digitare il comando da terminale:

sudo apt-get update

INSTALLAZIONE DI PROGRAMMMI UTILI

leggere questa guida

http://marcosbox.blogspot.it/2013/04/lubuntu-1304-guida-post-installazione.html

ovviamente evitate l’installazione di amule e cose così.

e poi questa

http://marcosbox.blogspot.it/2012/11/lxde-lubuntu-aggiungere-collegamenti.html

seguendo questa guida si inseriscono dei semplici collegamenti nel desktop, ma cliccando il tasto dx sul cestino non comparirà la voce “svuota cestino” perché appunto non è una proprietà del collegamento; L’icona giusta sta nel  file manager pcmanfx e all’indirizzo

\\\trash

se si vuole risolvere questo “finto” problema, vedi qui:

http://streetcross.wordpress.com/2008/12/16/il-cestino-per-lxde-e-non-solo/

 

sudo apt-get install vlc

(discutibile; io l’ho installato perché molti conoscono VLC, ma avendo già installato il pacchetto restricted, che oltre a flash, installa vari codec, non servirebbe)

sudo apt-get install libreoffice

dai repository di libreoffice oppure

sudo apt-get install libreoffice libreoffice-l10n-it libreoffice-gtk

da quelli della distribuzione

 

MODDING OPENBOX

Si può dare un aspetto più gradevole, io mi sono accontentato e funziona tutto e bene.

http://streetcross.wordpress.com/2009/01/09/come-personalizzare-lxde/

La guida è datata e molte cose sono state inserite, però è interessante.

http://box-look.org/index.php?xsortmode=new&logpage=0&xcontentmode=7402&page=1

 

 

PROBLEMI

penna sul desktop ?????? nnnnsepo’

Montando un dispositivo USB non è immediatamente visibile sul desktop, ma solo nel file manager pcmanfx.

Non ho trovato soluzioni al riguardo.

Avevo pensato ad un file html con delle istruzioni e all’avvio automatico di firefox, ma alla fine ho lasciato perdere.

Avendo più pc uguali invece di reinstallare tutto si possono clonare facilmente, ad esempio con Clonezilla

http://www.pcsilenzioso.it/forum/showthread.php?t=25427

Il problema sarà cambiare i parametri hostname per la configurazione nella rete e l’UUID. Per i parametri ip c’è un buon gestore di rete. per l’UUID vedi qui

http://pxel.blogspot.it/2014/05/lubuntu-1404-lts-addio-windows.html

HOSTNAME
Per prima cosa creiamo una copia di backup dei file originali, in modo tale che se qualcosa non va potremmo sempre ripristinare il tutto:

sudo cp /etc/hosts /etc/hosts.old

sudo cp /etc/hostname /etc/hostname.old

adesso editiamo il file “hosts“:

sudo nano /etc/hosts

Ed avremo un file contenente un risultato simile:

127.0.0.1 localhost
127.0.1.1 nome_hostname
Adesso vi basterà modificare “nome_hostname” con il nome dell’hostname che volete assegnare al vostro computer ad esempio aula21_pc16. Salvate il tutto e digitate:

sudo nano /etc/hostname
Questo file conterrà semplicemente il nome del vostro hostname attuale. Modificatelo e mettete lo stesso hostname che avete precedentemente digitato nel file “hosts”. Chiudete la sessione corrente, rientrate e troverete il nuovo hostname correttamente impostato.

Ripristinare i cambiamenti.

Nel caso in cui vogliate ritornare indietro, per un motivo qualsiasi, tutto ciò che dovrete fare è digitare:

sudo cp /etc/hosts.old /etc/hosts

sudo cp /etc/hostname.old /etc/hostname

N.B.:

  • chi non avesse dimestichezza con nano può utilizzare gedit, previa installazione.
  • Bisogna far ripartire il servizio hostname, digitare

sudo /etc/init.d/hostname.sh restart     ma è meglio far ripartire tutto il pc.

SCHEDE NVIDIA

E’ capitato uno schermo nero dopo l’installazione per problemi con la scheda grafica Nvidia, seguite le istruzioni, suggerite dal Presidente del Fermolug Paolo Silenzi.

CTRL+ALT+F1 per aprire un terminale

entra da terminale e controlla la presenza del file di configurazione del server grafico:

ls /etc/X11/xorg.conf

se non ci fosse occorre prima fermare il server grafico, digitando:

sudo /etc/init.d/ lightdm stop

(se  lightdm non c’è prova con kdm o gdm o xdm …)

quindi, ora che è fermo il server grafico X11, per chiedere allo stesso di creare un file di configurazione, digita:

sudo X -configure

ora bisogna spostare tale file nel giusto percorso:

sudo mv /home/utente/xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf

a questo punto modifichiamo il file di configurazione, cambiando la riga:

Driver “nouveau”

con

Driver “nv”

o ancora (se non funziona dopo un riavvio)

Driver “vesa”

E’ opportuno anche modificare il file grub seguendo questa guida

http://wiki.ubuntu-it.org/Installazione/ParametriAvvio

 

 

Share

fermolug, general, LibreOffice, microsoft ,

Valdasiamo

4 marzo 2014

Venerdi 9 marzo alle 21:15, presso la sala Urbani di Pedaso,

all’interno del progetto “Valdasiamo”, parteciperemo all’evento “OPEN SOURCE – Strumento di condivisione e comunicazione”.

Con Andrea Colangelo e Massimo Ciccola parleremo di software libero e della comunità Debian.

L’incontro è rivolto a tutti. Non mancate!!

Servizio realizzato da Fermo TV per l’evento:

You need to install or upgrade Flash Player to view this content, install or upgrade by clicking here.

Locandina con gli eventi di “Valdasiamo”:

PIEG_VALDASIAMO_VOLTA_mini

Share

news