Archivio

Archivio autore

Il supporto XP sta per terminare. Passa a Linux nelle scuole.

26 marzo 2014

Dopo l’8 aprile 2014, il supporto e gli aggiornamenti per Windows XP non saranno più disponibili. Cosa aspetti? Aggiorna il tuo PC al nuovo Windows oppure acquista un dispositivo con Windows 8.1!” Questa è la pubblicità della Microsoft

Vista la scadenza di xp, e non potendo/volendo passare a windows 8.1 abbiamo deciso di mettere una versione di Linux sui pc posti in ogni aula che danno accesso al registro elettronico, una applicazione scritta in php.

Parliamo di circa una sessantina di macchine, mediamente 8/9 anni, processore pentium 4 in grande maggioranza, fornite tutte di almeno 512 Kb di ram.

La domanda fondamentale: quale distribuzione mettere?

Per questa domanda avevo una serie di problemi:

  • Trovare una distribuzione  che permettesse l’installazione ed il mantenimento a colleghi con una scarsa conoscenza di un file system Linux , ma che potessero comunque fare da riferimento per i dubbi iniziali;
  • Trovare qualcosa che avesse un’interfaccia “semplice”, in modo che tutti i professori potessero accedere ad un browser di navigazione aggiornato ed a un programma efficace di videoscrittura come LibreOffice;
  • Trovare una distribuzione aggiornata, leggera, con una buona compatibilità con hardware vario e datato, che non mi impegnasse troppo con smanettamenti vari;

Quindi, ho escluso a priori tutte le distribuzioni con un server grafico pesante, e tutte le distribuzioni che necessitavano per vari motivi di troppi adattamenti hardware. (Lo so, è la parte più divertente, ma dovevo arrivare ad una soluzione efficace).

Da tener presente che in un primo momento ho “visto “ la grafica delle distribuzioni su un emulatore, poi le ho testate direttamente sui pc, con tempi piuttosto lunghi.

se fai perdere 10 chili a un elefante (ovvero installi LXDE su Ubuntu) sarà comunque sempre più pesante di una gazzella obesa (Arch Linux con Gnome o KDE), quindi chi vuole una distro leggera preferisce partire dalla gazzella piuttosto che dall’elefante.
utente dadexix86 su http://forum.ubuntu-it.org/

Vero 🙂 Però alla fine mi sono deciso per Lubuntu

 

Perché:

Usa LXDE + OpenBox, ha una discreta interfaccia, hanno risolto parecchi bug che lo affliggeva, uscirà la versione 14.04 a breve, fa gli aggiornamenti in modo “semplice”, ha l’installazione semplice e veloce, è quella che mi ha dato meno problemi di compatibilità hardware sui 3/ 4 pc testati, con schede grafiche diverse, ha firefox e synaptic che mi risolve in automatico le dipendenze, e infine qualcuno Ubuntu l’ha già sentito nominare, e sembra una cosa stupida, ma rende più accettabile il passaggio.

Quella che segue non è una guida vera e propria, ma una serie di indicazioni che ritengo utili, trovate mentre cercavo le varie criticità e mi facevo un file di appunti.

PRIMA DI TUTTO

https://help.ubuntu.com/community/Lubuntu/Documentation/FAQ/Guides

http://forum.ubuntu-it.org/viewforum.php?f=95&sid=29802b587c581520dad043b6036d6b00

 

INSTALLAZIONE DI LUBUNTU

Per permettere la navigazione e l’aggiornamento io ho dovuto impostare un proxy;

Sia Firefox che Synaptic (Packed Manager di Lubuntu) ha la possibilità di impostare il proxy oppure:

http://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?t=517408

seguite le istruzioni e funzionerà tutto anche da terminale.

 

Per chi volesse poi utilizzare chromium

da terminale

chromium-browser –proxy-server=”indirizzoproxy:numeroporta

AGGIORNAMENTO REPOSITORY

abilitare i repository Partner di Canonical

elenco sorgenti

http://wiki.ubuntu-it.org/Repository/SourcesList
http://forum.ubuntu-it.org/viewtopic.php?t=66731

sudo add-apt-repository ppa:libreoffice/ppa

o aggiungere questi due indirizzi in /etc/apt/sources.list

https://launchpad.net/~libreoffice/+archive/ppa
https://launchpad.net/~libreoffice/+archive/libreoffice-4-2
N.B.: Ho provato la lubuntu 13.10 saucy salamander e per questa distribuzione gli indirizzi per LibreOffice 4.2 sono

deb http://ppa.launchpad.net/libreoffice/libreoffice-4-2/ubuntu saucy main
deb-src http://ppa.launchpad.net/libreoffice/libreoffice-4-2/ubuntu saucy main
Raccomando LibreOffice 4.2 (o successive) per la velocità e pulizia del codice.

La prossima distribuzione di Lubuntu, la 14.04 dovrebbe avere nei repository ufficiali Libreoffice 4.2

Aggiornare l’indice dei pacchetti: l’indice dei pacchetti di APT è essenzialmente un database dei pacchetti disponibili dai repository definiti nel file /etc/apt/sources.list. Per aggiornare l’elenco locale dei pacchetti con i cambiamenti apportati di recente nei repository, digitare il comando da terminale:

sudo apt-get update

INSTALLAZIONE DI PROGRAMMMI UTILI

leggere questa guida

http://marcosbox.blogspot.it/2013/04/lubuntu-1304-guida-post-installazione.html

ovviamente evitate l’installazione di amule e cose così.

e poi questa

http://marcosbox.blogspot.it/2012/11/lxde-lubuntu-aggiungere-collegamenti.html

seguendo questa guida si inseriscono dei semplici collegamenti nel desktop, ma cliccando il tasto dx sul cestino non comparirà la voce “svuota cestino” perché appunto non è una proprietà del collegamento; L’icona giusta sta nel  file manager pcmanfx e all’indirizzo

\\\trash

se si vuole risolvere questo “finto” problema, vedi qui:

http://streetcross.wordpress.com/2008/12/16/il-cestino-per-lxde-e-non-solo/

 

sudo apt-get install vlc

(discutibile; io l’ho installato perché molti conoscono VLC, ma avendo già installato il pacchetto restricted, che oltre a flash, installa vari codec, non servirebbe)

sudo apt-get install libreoffice

dai repository di libreoffice oppure

sudo apt-get install libreoffice libreoffice-l10n-it libreoffice-gtk

da quelli della distribuzione

 

MODDING OPENBOX

Si può dare un aspetto più gradevole, io mi sono accontentato e funziona tutto e bene.

http://streetcross.wordpress.com/2009/01/09/come-personalizzare-lxde/

La guida è datata e molte cose sono state inserite, però è interessante.

http://box-look.org/index.php?xsortmode=new&logpage=0&xcontentmode=7402&page=1

 

 

PROBLEMI

penna sul desktop ?????? nnnnsepo’

Montando un dispositivo USB non è immediatamente visibile sul desktop, ma solo nel file manager pcmanfx.

Non ho trovato soluzioni al riguardo.

Avevo pensato ad un file html con delle istruzioni e all’avvio automatico di firefox, ma alla fine ho lasciato perdere.

Avendo più pc uguali invece di reinstallare tutto si possono clonare facilmente, ad esempio con Clonezilla

http://www.pcsilenzioso.it/forum/showthread.php?t=25427

Il problema sarà cambiare i parametri hostname per la configurazione nella rete e l’UUID. Per i parametri ip c’è un buon gestore di rete. per l’UUID vedi qui

http://pxel.blogspot.it/2014/05/lubuntu-1404-lts-addio-windows.html

HOSTNAME
Per prima cosa creiamo una copia di backup dei file originali, in modo tale che se qualcosa non va potremmo sempre ripristinare il tutto:

sudo cp /etc/hosts /etc/hosts.old

sudo cp /etc/hostname /etc/hostname.old

adesso editiamo il file “hosts“:

sudo nano /etc/hosts

Ed avremo un file contenente un risultato simile:

127.0.0.1 localhost
127.0.1.1 nome_hostname
Adesso vi basterà modificare “nome_hostname” con il nome dell’hostname che volete assegnare al vostro computer ad esempio aula21_pc16. Salvate il tutto e digitate:

sudo nano /etc/hostname
Questo file conterrà semplicemente il nome del vostro hostname attuale. Modificatelo e mettete lo stesso hostname che avete precedentemente digitato nel file “hosts”. Chiudete la sessione corrente, rientrate e troverete il nuovo hostname correttamente impostato.

Ripristinare i cambiamenti.

Nel caso in cui vogliate ritornare indietro, per un motivo qualsiasi, tutto ciò che dovrete fare è digitare:

sudo cp /etc/hosts.old /etc/hosts

sudo cp /etc/hostname.old /etc/hostname

N.B.:

  • chi non avesse dimestichezza con nano può utilizzare gedit, previa installazione.
  • Bisogna far ripartire il servizio hostname, digitare

sudo /etc/init.d/hostname.sh restart     ma è meglio far ripartire tutto il pc.

SCHEDE NVIDIA

E’ capitato uno schermo nero dopo l’installazione per problemi con la scheda grafica Nvidia, seguite le istruzioni, suggerite dal Presidente del Fermolug Paolo Silenzi.

CTRL+ALT+F1 per aprire un terminale

entra da terminale e controlla la presenza del file di configurazione del server grafico:

ls /etc/X11/xorg.conf

se non ci fosse occorre prima fermare il server grafico, digitando:

sudo /etc/init.d/ lightdm stop

(se  lightdm non c’è prova con kdm o gdm o xdm …)

quindi, ora che è fermo il server grafico X11, per chiedere allo stesso di creare un file di configurazione, digita:

sudo X -configure

ora bisogna spostare tale file nel giusto percorso:

sudo mv /home/utente/xorg.conf.new /etc/X11/xorg.conf

a questo punto modifichiamo il file di configurazione, cambiando la riga:

Driver “nouveau”

con

Driver “nv”

o ancora (se non funziona dopo un riavvio)

Driver “vesa”

E’ opportuno anche modificare il file grub seguendo questa guida

http://wiki.ubuntu-it.org/Installazione/ParametriAvvio

 

 

Share

Senza categoria

LibreOffice Writer guida base

25 ottobre 2013

newsQui puoi scaricare il file .pdf

Qui puoi scaricare il file .odt

Le ragioni per dover iniziare ad utilizzare LibreOffice sono tante: Economiche, etiche, pratiche. LibreOffice ed OpenOffice sono programmi ormai dotati della maturità necessaria per essere usati in ambito educativo, professionale e lavorativo in genere. Il loro mancato utilizzo non ha più ragione di esistere, tuttavia ancora sento le lamentele della “difficoltà” o della mancanza di alcune funzioni (?).

Sono ragioni che riconducono ad una pigrizia nei confronti del cambiamento, ma anche ad una fatica nel trovare qualcuno a cui porre la classica domanda:

Come si fa …?

Questa guida è rivolta quindi sia a chi si avvicina per la prima volta alla compilazione o modifica di un documento, caso ormai raro spero, sia a chi si volesse fornire di uno strumento di apprendimento e aggiornamento.

L’indice è sviluppato secondo un criterio assolutamente personale derivato dall’esperienza delle “richieste” specifiche che di volta in volta venivano fatte nei corsi fin qui svolti nell’ambito del locale Lug http://www.linuxfm.org/.

Prosegui la lettura…

Share

Senza categoria

CAMBIO DI ROTTA – Uscire dalla crisi e cambiare l’Italia e L’Europa.

6 settembre 2012

Il FermoLUG parteciperà sabato 8 settembre a Capodarco di Fermo al Forum di Sbilanciamoci  CAMBIO DI ROTTA – Uscire dalla crisi e cambiare l’Italia e L’Europa.

L’iniziativa che si terrà presso la struttura della Comunità di Capodarco, ha numerosi i temi in agenda: la crisi economico-finanziaria e la difesa dei diritti e della dignità del lavoro, la salvaguardia e la promozione del welfare, le prospettive dell’”economia verde” e di un’altra economia per un nuovo modello di sviluppo, le questioni del futuro dei giovani, del diritto allo studio e della lotta alla precarietà. In programma, inoltre, workshop sui temi dell’economia solidale, delle spese militari, del software libero, delle criticità e delle lacune nell’insegnamento delle discipline economiche nelle università italiane, del reddito di cittadinanza.

Il FermoLUG (Gruppo Utenti Linux di Fermo), associazione culturale senza scopo di lucro, si occupa della diffusione del Software Libero e Open Source, con una particolare attenzione agli ambiti della Pubblica Amministrazione e della Scuola, e della divulgazione delle tematiche inerenti le libertà digitali, l’accesso alla conoscenza e la condivisione del sapere.  Nel corso dei suoi dieci anni d’attività, l’associazione, che conta circa 300 iscritti, ha organizzato numerose manifestazioni di carattere culturale tesi allo sviluppo socio-economico e culturale in ambito informatico, come i recenti convegni “Prospettive libere” e “Ubuntu@Fermo”, alle quali hanno partecipato anche industriali ed esponenti delle Pubbliche Amministrazioni. Nondimeno, l’associazione è stata invitata a presentare il progetto di sviluppo e realizzazione dell’aula infomatica presso la Scuola Media Statale “Betti – Fracassetti” di Fermo alla IV ConfSL (Conferenza Nazionale del Software Libero) tenutasi presso la Facoltà di Ingegneria della Università Politecnica delle Marche in Ancona.

La nostra proposta per la sessione di workshop paralleli autogestiti di sabato 8 settembre dalle 14.30 alle 16.30, consiste in 3 interventi:

  • Introduzione al Software Libero e Open Source  – Andrea Colangelo
  • Il Software Libero nella Scuola – Cristian Minnucci
  • Il Software Libero nella Pubblica Amministrazione –  Massimo Ciccola

 

Qui il programma della manifestazione

http://www.sbilanciamoci.org/

 

 

 

Share

Senza categoria

6^ Conferenza Italiana sul software libero

10 maggio 2012

La 6^  Conferenza sul Software Libero si terrà presso l’Università Politecnica delle Marche ad Ancona dal 22 al 23 giugno 2012.

Il 21 giugno si terrà, negli stessi luoghi della CONFSL, una giornata dedicata ai temi dell’educazione e delle community.

Il 22 e 23 giugno 2012 l’Università Politecnica delle Marche ospiterà la VI Conferenza Italiana sul Software Libero, per fare il punto sullo stato dell’arte del Software Libero in Italia. Questo appuntamento è il luogo d’incontro di quanti in Italia sono attivi nella ricerca, nello sviluppo, nella promozione e nella diffusione del Software Libero.

Il 21 giugno 2012 negli stessi locali dedicati alla CONFSL, si terrà la giornata “aspettando la CONFSL“. Questa giornata intende essere un momento di aggiornamento e sintesi, ma principalmente un workshop fra gli addetti ai lavori per progettare azioni comuni e favorire una maggiore sinergia fra i tanti progetti e gruppi esistenti.

Sia il tema dell’educazione che quello della community sono peculiari del Software Libero e in Italia ad oggi si è fatto tanto nei rispettivi ambiti. In entrambi gli aspetti sono da ricercare una maggiore efficacia nelle azioni e maggiore sinergia fra i gruppi che li portano avanti.

Per fare ciò è necessario partire con un’analisi dell’esistente e produrre un quadro sintetico, che possa dare l’idea della situazione attuale, e, rispetto ai singoli gruppi, evidenziare  caratteristiche, esigenze, buone pratiche ed obiettivi da raggiungere.

Rispetto al tema dell’educazione un progetto dedicato alla condivisione in rete di esperienze e attività è il Dossier Scuola, presentato in occasione del Linux Day 2010, la giornata nazionale di promozione di GNU/Linux e del Software Libero. Il Dossier Scuola è un progetto promosso da Italian Linux Society, coordinato da Luca Ferroni e realizzato da beFair, dal gruppo di Software Libero fabrianese PDP e da altri volontari.

Rispetto al tema community si è creato un gruppo di lavoro autonomo ed informale chiamato Movimento per il Software Libero in Italia che per ora è poco più di un contenitore da riempire per sviluppare i temi suddetti. Come ottimizzare la comunicazione? Come aderire a campagne comuni? Come aggregare le forze su obiettivi condivisi? Come ottenere una maggiore visibilità? Queste le domande di carattere pratico cui si intende rispondere con questo progetto.

Chi volesse aderire fin da ora puo’ farlo al seguente indirizzo  http://www.confsl.org/confsl12/index.php/adesioni.html

oppure ricevere gli aggiornamenti delle notizie   http://www.confsl.org/confsl12/index.php/contatti.html

Share

Senza categoria

Codemotion

17 marzo 2012


Il Codemotion si sta avvicinando, si svolgerà infatti il 23 e 24 marzo a Roma.
Ad attendere i partecipanti ci sarà un’agenda fittissima di interventi correlata da attività coinvolgenti:

80 e oltre talk tecnici;
un hackathon, dove si programmerà tutta la notte;
un laboratorio per i bambini per opera della Mozilla Foundation;
l’aperitivo internazionale con GitHub;
un’iniziativa per le startup;
due laboratori mobile a cura di Microsoft e Samsung;
un’area indie games.
Programma online!

Due giorni di appuntamenti, due giorni per emozionarsi con la magia del codice. Una maratona di interventi tecnici, laboratori, incontri sull’innovazione e hackathon. Leggi il programma del venerdì 23 marzo e del sabato 24 marzo

Share

Senza categoria

Perché dedicarsi all’Open Source

19 novembre 2010

Scritto da Cristina Rovetti su www.programmazione.it

Un’interessante intervista a Jeffrey Hammond di Forrester Research, un esperto analista del settore IT specializzato nelle tecniche e negli strumenti di sviluppo di applicazioni software, è comparsa sul sito Dr. Dobb’s, evidenziando alcuni importanti trend del mondo della programmazione. Questi sono il risultato di una ricerca condotta nel corso dell’anno dalla sua azienda.Il primo interessante aspetto, ormai conosciuto dai più, riguarda l’impressionante sviluppo che si apprezza nel mondo delle applicazioni per il settore mobile, che in un solo anno ha più che raddoppiato le sue dimensioni. Dominano il mercato coloro che ovviamente sviluppano per iPhone, seguiti da vicino dagli sviluppatori per Android. Un ulteriore aspetto su cui soffermarsi è relativo al mondo Open Source, che continua a mietere successi. Infatti sono sempre più numerosi i programmatori che, per svariati motivi, partecipano a progetti di questo tipo, traendone un enorme vantaggio in termini di conoscenza e capacità di sviluppo.

La principale motivazione che i programmatori sottolineano per giustificare il loro impegno nel mondo Open Source consiste nel senso di soddisfazione che si ottiene nella risoluzione dei problemi di tipo informatico; questo per almeno il 62% degli intervistati. La seconda motivazione consiste nel senso di realizzazione che i programmatori provano al termine del loro lavoro; giustificazione fornita da più del 50% degli intervistati.

Sembra quindi, che coloro che operano nell’Open Source lo facciano per ottenerne un proprio vantaggio legato alla soddisfazione personale, che esula dagli aspetti economici, visto che solo il 9% degli intervistati dichiara di essere pagato per le proprie attività. Un altro aspetto interessante che è emerso riguarda la continua ricerca di nuove tecnologie da padroneggiare e con cui confrontarsi, in grado di aumentare la creatività dei programmatori. Ma queste sembrano anche fornire le giuste spinte motivazionali a chi si avventura nella loro scoperta. Tutti questi aspetti porterebbero a un senso di pieno controllo sulle proprie attività. E sembra proprio che l’Open Source possa offrire tutte queste aspettative.

Share

Senza categoria

LibreOffice Productivity Suite – ex openoffice

29 settembre 2010

Dopo dieci anni di evoluzione con Sun Microsystems come fondatore e principale sponsor, il progetto annuncia una fondazione indipendente chiamata “The Document Foundation” con l’obiettivo di dare vita alla promessa di indipendenza del programma originale.

Il resto è nell’annuncio ufficiale e sul sito della Document Foundation

Share

Senza categoria

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi